L'autrice si ispira, in un gioco di rimandi tra il tempo antico dell'imperatore e l'angoscioso presente dell'adolescenza, alle pagine di ''Memorie di Adriano'' di Marguerite Yourcenar. Premio Campiello Giovani 1998.