Il volume costituisce un punto d'approdo del pensiero di Maurice Blanchot: con una scrittura aforistica estremamente suggestiva, a volte enigmatica e misteriosa l'autore intende dimostrare che quando tutto è stato detto, quando tutto è stato scritto resta da direil disastro, ossia la perdita di ogni forma di totalità.