Nel 1872 l'influsso emigratorio spinge le persone in mare come mandrie da macello. Tra queste Vanessa Man, che lascia Genova per imbarcarsi per l'America. A differenza degli altri non sceglie di fare quel passo importante per vincere la povertà, ma per sfuggire da un passato insopportabile, se avesse continuato a vivere ancora in Italia. Senza aver programmato niente il caso la porta nella lussuosa dimora del signor Gerald, a San Francisco, che si nasconde dalla sua vista per osservarla, lasciandola alle cure della domestica Agatha. La protagonista cambia nome in Jane Way e successivamente le viene trovato lavoro nell'industria tessile. Tutto procede quasi d'abitudine, quando il padrone di casa decide di svelarsi. Nascerà un sentimento tormentato e reciproco, e quando sembra dover rimanere tale in eterno, il passato di Vanessa si presenta omicida. Dopo una lotta fisica e psicologica riesce a scampargli. Ma qualcos'altro è già pronto a porsi come ostacolo tra i due: i principi con cui è cresciuta Vanessa vanno contro la sua religione protestante. I suoi ideali spiazzeranno l'altra parte della sua vita: Nicholas Gerald. Riuscirà ad andare oltre per lui?