“Cinismo” è oggi sinonimo di una disponibilità a farsi complice di qualsiasi cosa a qualunque prezzo. Ben altra natura possedeva il cinismo degli antichi, una forma di autodifesa che si contrapponeva all’insensatezza della vita sociale. Peter Sloterdijk mette a nudo in questo testo, considerato il suo capolavoro, i rischi estremi della falsa coscienza. Sostenuto da una travolgente forza satirica, intreccia storia del pensiero e costumi sessuali, moda, arte, ideologia e mass media. E dopo aver tracciato una lucidissima diagnosi della catastrofe politico-morale del nostro tempo, ci indica una possibile terapia, attraverso il coraggio di un “cinismo” di tipo nuovo.